Articoli con tag Milano

Shakespeare a Venezia

Trekking tra storia, letteratura, leggenda

:arrow: 19 – 20 marzo 2011

L’idea è che, forse, il celebre drammaturgo elisabettiano abbia messo piede a Venezia -magari durante i suoi cosiddetti “anni bui” per i quali non possediamo informazioni- e si sia fatto ispirare dalla città. Da questa ipotesi, quindi, parte un viaggio che cerca di ripercorrere le sue orme lungo un percorso immaginario tra calli e campielli, leggende e curiosità storiche, nobildonne e umili popolani. Una tripartizione spartita attraverso i luoghi collegati ai racconti: il “centro del potere” riferito a San Marco, il “mercato del mondo” incentrato su Rialto, “un mondo ai margini” legato alla presenza ebraica e moresca a Venezia. Nessuna città ha affascinato Shakespeare più di Venezia, nominata più volte nei suoi drammi (La bisbetica domata, Pene d’amor perdute ecc.) a partire già dal titolo nonché ambientazione di due sue opere tra le più note: Il mercante di Venezia e Otello.

da Lunedì a Venerdì 9.00-13.00 / 14.00-17.00
Associazione PANDA TREK
Laboratorio di Turismo fatto in Modo Molto Responsabile
Via Porpora, 14 – 20131 Milano
Tel 02 20 24 14 04 -Fax 02 20404090 – e-mail: pandatrek@gmail.com / pandatrek.elio@gmail.com – Sito: www.pandatrek.it

Tags: , , , , , ,

Trekking ai Corni di canzo in maschera

E’ carnevale, i personaggi del “Signore degli Anelli” ci aspettano

:arrow: 12 marzo 2011

I Corni di Canzo, detti anche Còrni o Curunghèj o Culunghèj in lingua locale, sono un gruppo montuoso sito nel Triangolo lariano. Si tratta di tre cime rocciose, disposte da est a ovest che prendono il nome dal comune di Canzo, infatti quella centrale e quella occidentale delimitano la testata settentrionale della val Ravella ed al contempo costituiscono il confine fra il comune di Canzo e quello di Valbrona. Solo la terza cima, quella più bassa, è nel territorio del comune di Valmadrera. Il Corno occidentale è alto 1373 metri, quello centrale 1.368 metri, mentre quello orientale raggiunge solo 1.232 metri. Le due vette più alte sono ben visibili in Brianza ed hanno l’aspetto di due grandi “corni”.

da Lunedì a Venerdì 9.00-13.00 / 14.00-17.00
Associazione PANDA TREK
Laboratorio di Turismo fatto in Modo Molto Responsabile
Via Porpora, 14 – 20131 Milano
Tel 02 20 24 14 04 -Fax 02 20404090 – e-mail: pandatrek@gmail.com / pandatrek.elio@gmail.com – Sito: www.pandatrek.it

Tags: , , ,

Milano, una città piena di segreti

La meridiana del Duomo;  streghe e untori al tempo della peste e altre diavolerie

:arrow: domenica 13 febbraio 2011

Ore 13.30 Partenza da Bollate in Pullman – Piazza San Francesco

Arrivo a Milano e incontro con la guida. La prima tappa è il Duomo per una visita di un’ora alla scoperta di aspetti meno noti e curiosità legate alla Veneranda Fabbrica. Fra queste vi è di sicuro la meridiana in ottone rappresentata da un Capricorno e da elementi ricchi di simbolismo.

Trasferimento in zona Sant’Ambrogio per la visita della Chiesa di San Michele al Dosso che verrà aperta eccezionalmente dalle Suore Orsoline che reggono l’Istituto scolastico cui appartiene. La chiesa poco nota è in realtà scrigno di alcune preziose opere d’arte fra le quali spicca una copia della “Vergine delle Rocce”, sicuramente uno dei più misteriosi ed affascinanti dipinti del maestro Leonardo Da Vinci che ha operato molto in ambiente milanese.

La visita prosegue con la scoperta dell’inquietante Colonna del Diavolo davanti alla Basilica di Sant’Ambrogio dove si trovano anche tracce della presenza dei Templari; si raggiunge infine la zona della Basilica di San Lorenzo per una panoramica sulla storia degli untori, giudicati ai tempi i responsabili della diffusione del morbo della peste ricostruendo la storia della Colonna Infame e Piazza Vetra dove sono state condannate tante donne nei secoli bui fino al Seicento perché accusate di stregoneria.

Rientro a Bollate previsto per le ore 18.00 circa

Quota individuale di partecipazione € 20 – saldo all’iscrizione

Iscrizioni da sabato 15 gennaio dalle ore 9.00 – presso Biblioteca Comunale di Bollate

Per informazioni e iscrizioni:

Biblioteca Comunale di Bollate – tel. 02-35005510/5 – mail: biblioteca.bollate@csbno.net

Tags: , , ,

La Milano dei misteri

Presentazione-introduzione della nuova stagione visite guidate

:arrow: lunedi’ 17 gennaio – ore 21 – sala conferenze della biblioteca – ingresso libero

Incontro con lo scrittore Paolo Roversi, giallista milanese ed esponente del noir metropolitano che ha scritto anche di una guida ambientata nei  luoghi misteriosi della metropoli per una serata all’insegna del mistero in cui si presenterà anche un’anteprima delle visite guidate in programma per il 2011

Info:Biblioteca di Bollate – P.zza  C.A. Dalla Chiesa 30 – Bollate – tel. 02.35005508/15 

mail: biblioteca.bollate@csbno.net

Tags: , ,

CENA AL BUIO: un’esperienza ILLUMINANTE!

Inaugurazione della rassegna “All’ombra del mistero” visite guidate con la biblioteca di Bollate

:arrow: giovedi’ 27 gennaio 2011

La Cena al Buio permette di riscoprire con meraviglia le potenzialità di tutti gli altri sensi. Una sala tenuta completamente al buio, nella quale gli ospiti sono guidati da personale non vedente! La Cena al Buio darà origine così a sensazioni straordinarie grazie alla magia dell’oscurità, la musica in sottofondo e un misterioso ma prelibato menù. Con la Cena al Buio vivrai un’esperienza importante per la comprensione dei diversamente abili e delle loro difficoltà nel vivere quotidiano. Siamo abituati a vivere in un mondo dove l’immagine è tutto ma durante la Cena al Buio scoprirete nuovi modi per comunicare nel buio, come alla luce, si può capire che l’essenziale è invisibile agli occhi. Non lasciarti sconfiggere dalla paura! Scopri un nuovo modo di stare a tavola e di stare insieme nell’atmosfera suggestiva e coinvolgente della cena al buio.

La cena si effettua a Settimo Milanese presso Palazzo Granaio, una prestigiosa location all’interno di un edificio storico del XVII secolo ristrutturato e affacciato sul parco di Palazzo D’Adda.

Ore 19.45 – Partenza da Bollate con pullman (Piazza San Francesco) Rientro previsto per le 24 circa

Quota individuale di partecipazione  € 50 (saldo all’iscrizione)

Comprensivo di cena e trasporto pullman

Iscrizioni presso la Biblioteca di Bollate

Info:Biblioteca di Bollate – P.zza  C.A. Dalla Chiesa 30 – Bollate – tel. 02.35005508/15 

mail: biblioteca.bollate@csbno.net

Tags: , , ,

La Biblioteca Ambrosiana di Milano

Leonardo da Vinci e Federico Borromeo

arrow: Domenica 7 novembre 2010

Ore 14.30 – Partenza da Bollate in pullman – Piazza San Francesco

Arrivo a Milano e incontro con la guida per la visita di uno dei tesori più affascinanti e meno frequentati della città di Milano: la Veneranda Biblioteca Ambrosiana fondata dal cardinale Federico Borromeo. Essa fu una delle prime che per il gesto di un illustre mecenate venisse aperta alla pubblica lettura (1609). Fu concepita dal fondatore come un centro di studio e di cultura: volle infatti che vi fiorissero a lato altre istituzioni come il Collegio dei Dottori, l’Accademia di Belle Arti e la Pinacoteca. Il cardinale raccolse per la sua Biblioteca, che dal santo protettore di Milano chiamò Ambrosiana, un largo numero di codici greci, latini, volgari e nelle diverse lingue orientali. Per la vastità delle raccolte e per il numero e il pregio dei codici, l’Ambrosiana è indubbiamente una delle prime biblioteche italiane e del mondo. La Sala Federiciana è l’originaria, monumentale sala di lettura della Biblioteca, realizzata all’inizio del Seicento. Essa è il luogo dove Federico Borromeo pose il grande braciere che per secoli e secoli confortò lo studio e le visite dei dotti provenienti da tutto il mondo. Nella sala sono esposte alcune delle preziose tavole del Codice Atlantico di Leonardo da Vinci, summa del sapere del grande genio. Si visiterà anche della Pinacoteca ambrosiana. Ideata fin dal 1607 e costituita nel 1618, doveva servire, nell’intenzione del fondatore Federico Borromeo, di sussidio e di modello a una futura Accademia di belle arti per la formazione e l’educazione del gusto estetico, in conformità ai dettami del Concilio di Trento. L’Accademia fu difatti istituita nel 1621, e primo presidente fu il pittore Cerano. All’epoca della donazione del 1618, si contavano circa 250 dipinti tra originali e copie; ora si contano più di 1.500 opere su tavola, su tela e su rame. Tra i dipinti più famosi: il Musico di Leonardo, la Canestra di frutta di Caravaggio, la Madonna del padiglione di Botticelli e l’Adorazione dei magi di Tiziano.

Al termine della visita partenza per il rientro a Bollate

Quota individuale di iscrizione € 27 – saldo all’iscrizione

Iscrizioni da sabato 25 settembre dalle ore 9.00 – presso Biblioteca Comunale di Bollate

Info e iscrizioni: Biblioteca Comunale Bollate tel. 02-35005510 – 515 mail:  biblioteca.bollate@csbno.net

Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest Tel. 02-932095-36/52 – mail: eventi@csbno.netwww.csbno.net

Tags: , , ,

Wolfgang Amadeus Mozart …Una visita guidata sul passaggio di un genio a Milano

Wolfgang Amadeus Mozart …Una visita guidata sul passaggio di un genio a Milano

Sabato 27 Febbraio 2010

:arrow:   SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO DELLA GITA!

La visita segue le tracce di Mozart che, da fanciullo, in compagnia del padre Leopoldo, visitò ben 3 volte il capoluogo lombardo tra il 1770 e il 1773.

Ore 9.15 – Partenza da Bollate in pullman (Piazza San Francesco)
Si parte dall’insigne Chiesa di San Marco, a quel tempo monastero degli Agostiniani, presso il quale i Mozart soggiornarono durante la loro prima permanenza in città: accanto a strutture ancora riconoscibilmente medievali e a sontuose pitture manieriste o barocche, l’edificio sacro possiede l’organo su cui certamente i musicisti ospiti si cimentarono, e una lapide commemorativa della loro presenza.
A piedi ci si trasferirà, attraverso il suggestivo quartiere di Brera, fino alla piazza della Scala: paradossalmente, il famoso teatro che ha ospitato tante celebri esecuzioni di opere mozartiane non venne mai visto da Wolfgang, in quanto venne aperto 5 anni dopo il suo ultimo passaggio da Milano. E’ ad ogni modo una famosa costruzione dell’architetto più rappresentativo di quei tempi: il Piermarini.

Attraverso via Radegonda, aperta proprio su progetto del Piermarini, raggiungeremo l’abside del Duomo e da lì il Palazzo Reale asburgico: al suo interno, in quello che allora era l’unico teatro milanese capace di ospitare opere liriche, Mozart mise in scena anno dopo anno le sue prime tre vere opere serie in stile italiano, di cui dunque Milano ebbe la gloriosa esclusiva: “Mitridate re del Ponto”, “Ascanio in Alba” (su testo di Parini) e “Lucio Silla”. Tanto la facciata del Palazzo, quanto l’ancora esistente Cappella di San Gottardo in Corte, sono lavori di Piermarini, basati su tuttora riconoscibili elementi di origine viscontea. Per finire, visiteremo la Chiesa di Sant’Antonio, da poco restituita allo splendore dei suoi stucchi e affreschi ; la chiesa ospita uno dei cicli pittorici più completi e ricchi tra quelli realizzati in età borromaica, dalle eleganze raffinate di Bernardino Campi, ai violenti chiaroscuri del Cerano, fino alla sensualità del Procaccini e al misticismo commosso di Francesco del Cairo. Qui si trova l’organo su cui Wolfgang si esibì, e che il 17 gennaio 1773 (per la festa patronale) accompagnò la prima mondiale del mottetto “Exultate Iubilate”, un altro regalo che il giovanissimo genio fece ai milanesi. E a noi posteri. Rientro a Bollate per l’ora di pranzo.

Quota individuale di iscrizione € 18 – saldo all’iscrizione
Iscrizioni da sabato 30 gennaio dalle ore 9.00 – presso Biblioteca Comunale di Bollate
Per informazioni e iscrizioni:
Biblioteca Comunale di Bollate – tel. 02-35005510 – mail: biblioteca.bollate@csbno.net
Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest – Tel. 02-99060736-52 – mail: eventi@csbno.net


Tags: , , , ,

Milano e Alessandro Manzoni

Milano e Alessandro Manzoni …con i Promessi Sposi fra le mani. I luogi dello scrittore e gli angoli del romanzo

Sabato 6 Febbraio 2010

Ore 8,30. Partenza da Bollate con Pullman G/T. Piazza San Francesco.
Arrivo a Milano come aveva fatto Renzo dopo esser stato costretto a lasciare il suo piccolo paese sul lago di Como e a separarsi dalla sua promessa sposa Lucia, mandata nel convento di Monza.

Prima tappa al Lazzaretto “ un recinto quadrilatero e quasi quadrato, fuori della città, a sinistra della porta detta orientale, distante dalle mura lo spazio della fossa, d’una strada di circonvallazione, e d’una gora che gira il recinto medesimo”. La terribile peste ricordata dal Manzoni si abbattè fra il 1629-1631.

Milano seppelliva ogni giorno centinaia di abitanti, che morivano nelle case, per le strade o al Lazzaretto costruito nel 1489 con lo scopo di accogliere gli ammalati di peste, veniva utilizzato anche come deposito per le merci sospette di essere portatrici di infezioni e, quindi, in quarantena, e come ricovero per gli indigenti della città; oggi non esiste più, ma si visiterà la Chiesa di San Carlo che si trovava al centro del recinto per essere ben visibile a tutti i malati.

Renzo in città trova ospitalità presso il Convento dei Cappuccini e si aggira solo per una Milano affamata, sconvolta dalla carestia, dalle sommosse popolari e dagli assalti ai forni dovuti all’aumento del prezzo del pane. La zona del Duomo è quella legata alla rivolta e al famoso Forno delle grucce. Si raggiunge via Torino per la visita della Chiesa di San Sebastiano fatta costruire dai cittadini per adempiere a un voto fatto durante la peste.

Ritorno verso il Duomo e passeggiata fino a Palazzo Marino dove è nata e cresciuta la Monaca di Monza, proseguimento fino all’esterno della Chiesa di San Fedele – costruita nel 1567 e donata dall’arcivescovo di Milano Carlo Borromeo ai Gesuiti – e della casa di Manzoni. Se rimarrà il tempo visita della tomba di Alessandro Manzoni che si trova al centro del Famedio del Cimitero Monumentale: le spoglie dello scrittore riposano accanto ad altre personalità milanesi, di nascita o di adozione. Rientro a Bollate per le 12.30 circa.

Quota individuale di iscrizione € 15 – saldo all’iscrizione
Iscrizioni da sabato 16 gennaio dalle ore 9.00 – presso Biblioteca Comunale di Bollate
Per informazioni e iscrizioni:
Biblioteca Comunale di Bollate – tel. 02-35005510 – mail: biblioteca.bollate@csbno.net
Consorzio Sistema Bibliotecario Nord-Ovest – Tel. 02-99060736-52 – mail: eventi@csbno.net






Tags: , , , , , , , ,